Probiotico Keto

34,00

Per massimizzare il processo digestivo e la microflora intestinale durante la dieta ketogenica

Svuota
Sold By: : Progetto Fitness Categorie: , SKU: N/A Tag:

Descrizione

✓ Integratore per la dieta ketogenica
✓ Migliora il processo digestivo e la microflora intestinale
✓ Contrasta i sintomi causati da cattiva digestione e migliora l’assorbimento dei nutrienti
✓ Formulato con KetoRestart™ una mix di Enzimi (Complexzym), Fermenti Lattici (Lyobac) e Inulina

Il regime alimentare della dieta Ketogenica prevede un elevato apporto di grassi e proteine:
questa modifica del substrato alimentare potrebbe comportare un rallentamento del processo digestivo, portando a difficoltà digestiva, gonfiori, meteorismo, diarrea o costipazione.
L’apporto di Probiotico Ketogenica incrementa la quantità di enzimi digestivi e fermenti lattici, facilitando la digestione dei macronutrienti e il loro assorbimento.
La miscela di principi attivi apportati in KetoRestart™ promuove l’assorbimento dei nutrienti necessari e non crea disagi dovuti al cambio di regime alimentare.

Informazioni aggiuntive

Formato

63 capsule

Per la formulazione del prodotto Probiotico ketogenica, i laboratori Moldes hanno aggiunto i seguenti elementi:

Complexzym: Un complesso di enzimi (α-Amilasi, Proteasi, Lattasi, Lipasi e Cellulasi) che lavorano specificamente su macronutrienti per trasformarli in componenti più semplici. La loro azione specifica su amidi, proteine, lattosio, grassi e fibre promuove il processo digestivo evitando spiacevoli disturbi quali (difficoltà digestiva, gonfiori, meteorismo, diarrea o costipazione).

α-Amilasi: Enzima agisce sulle catene di amido promuovendo la liberazione di oligosaccaridi e polisaccaridi, la sua azione è particolarmente utile perché alcune forme di carboidrati come l’amido potrebbero comportare una difficile digestione con possibili fermentazioni a livello intestinale e flatulenza.

Proteasi: Enzimi idrolitici coinvolti nella digestione proteica, grazie alla loro azione sono in grado di spezzare i legami peptidici che uniscono i vari amminoacidi nella catena proteica.

Lattasi: Un enzima idrolitico che permette la digestione del lattosio in glucosio e galattosio. Esso evita quell’intolleranze alimentari, che si manifesta con gonfiori intestinali, flatulenza e diarrea in seguito all’ingestione di latte ed alimenti ricchi in lattosio.

Lipasi: Il 98 % dei lipidi apportati con la dieta è sotto forma di trigliceride, un trigliceride è costituito da una molecola di glicerolo esterificata con tre acidi grassi. La digestione dei lipidi è profondamente condizionata dalla loro scarsa solubilità in acqua, che rappresenta l’elemento fondamentale all’interno del tubo digerente: essi infatti tendono ad aggregarsi tra loro, separandosi dal mezzo acquoso. Le lipasi sono enzimi che permettono la digestione dei lipidi, scindendo il legame che lega i il glicerolo agli acidi grassi. Questo permette perciò l’assorbimento degli acidi grassi e la loro consegna all’organismo.

Cellulasi: responsabili per la digestione della cellulosa, un polisaccaride di monomeri di glucosio con legame β-1,4 che non possono essere digeriti dagli enzimi digestivi dell’uomo, essa infatti è una fibra alimentare insolubile che raggiunto l’intestino potrebbe determinare fenomeni fermentativi con produzione di gas e disconfort intestinale. L’apporto di cellulasi evita questi effetti collaterali.

Inulina: Un oligosaccaride che favorisce la digestione e regolarizza la funzione intestinale. Inoltre è una fibra in grado di promuovere la crescita di una microflora positiva e diminuire i batteri nocivi.

Lyobac
L. acidophilus: Un batterio Gram positivo che possiede la capacità di fermentare lattosio ed altri zuccheri producendo acido lattico.
Possiede numerose proprietà benefiche, tra le quali:

Inibisce lo sviluppo di altri microrganismi negativi
Favorisce l’eliminazione di tossine prodotte da batteri proteolitici
Sintetizza vitamina B
Prevenire le infezioni della sfera intima femminile (Candida)
Favorisce la produzione di enzimi come proteasi e lipasi
Diminuisce l’intolleranza al lattosio
Riduce episodi di diarrea e aiuta a migliorare la stitichezza
Migliora l’assorbimento del calcio
Riduce i livelli di colesterolo
L. rhamnosus: Un batterio Gram positivo produttore di acido lattico, dotato di una elevata resistenza agli acidi gastrici, ai sali biliari e di elevata capacità di aderire alle pareti intestinali. Il suo apporto favorisce il riequilibrio del microbiota intestinale, l’omeostasi intestinale e allevia le malattie legate alla disbiosi. Inoltre stimola il sistema immunitario determinando la protezione del soggetto ad infezioni.

B. breve: Un probiotico di origine umana, che determina molteplici effetti benefici sull’ospite stesso. Utile nel trattamento della diarrea, dei disturbi intestinali e della cattiva digestione. In caso di terapia antibiotica, il suo impiego contribuisce a ripristinare la flora batterica intestinale. È un ottimo coadiuvante nel trattamento dei sintomi della sindrome dell’intestino irritabile (SII), quali gonfiore e flatulenza e rappresenta il probiotico di prima scelta in caso di costipazione e ridotta peristalsi. Una preparazione attiva di probiotici contenente Bifidobacterium breve, somministrata per 4 settimane ad un gruppo di pazienti con Sindrome dell’Intestino Irritabile (SII) ha migliorato significativamente il dolore addominale e gli altri sintomi della SII, già a partire dalle prime due settimane. L’apporto di Bifidobacterium breve ha migliorato significativamente (p<0.001) tutti i sintomi relativi alla stipsi cronica (numero di evacuazioni settimanali, consistenza delle feci, facilità di espulsione, sensazione di svuotamento, dolore, prurito e bruciore anali, gonfiore addominale) rispetto al placebo dopo 30 giorni di trattamento (Del Piano M et al. Journal of Clinical Gastroenterology 2010; 44:S30-S34).

B. animalis subsp. lactis: Probiotico che vanta tra le sue caratteristiche l’elevata adesione alle pareti intestinali, una elevata sopravvivenza ai succhi gastrici e ai sali biliari: queste caratteristiche favoriscono la colonizzazione dell’intestino e portano ai seguenti benefici nell’organismo:

Riequilibrio del microbiota intestinale
Transito intestinale
Miglioramento del benessere gastrointestinale